In moto e immobile

Sono passati venticinque anni anni, lo sai, vero, Rebi?”
Sì, lo so, Gian, è la prima cosa a cui ho pensato quando ho aperto gli occhi stamattina.”
Una cifra quadrata, che ha angoli retti e lati che chiudono. Un numero senza scampo che inchioda lo sguardo a terra e non ammette vie di fuga.”
Ancora con queste simbologie tutte tue e che solo tu capisci, Gian?”
É lampante, Rebi! Con lo sguardo a terra sei costretto ad osservarti i piedi, le caviglie, le ginocchia e pensi che in quei venticinque anni la tua vita è andata di fretta su quelle gambe, eppure ti sembra di essere ancora fermo lì, dove eri allora. In moto e immobile, al contempo.”
Un quarto di secolo…”
…che è volato via.”
E in questo quarto di secolo noi abbiamo pensato a lui, ogni anno, nel primo giorno di maggio che quest’oggi si sveglia con la luce del sole.”
Ti ricordi dove eravamo, Rebi cara?”
Potrei mai dimenticarlo?”
Già, che domanda stupida che ti ho fatto.”
Eravamo con lui, in un qualche modo, come tutti coloro che lo hanno amato.”
Nel paddock, sulla pit lane, alla Tosa, alla Rivazza, al Tamburello, all’Istituto di medicina legale di via Irnerio, poi in Montagnola, a piangere lacrime dolci.” Continua a leggere

Annunci

In viaggio con Ayrton

L’ho ricevuto in regalo ed è stata una gioia, un pensiero inaspettato di due amici che conoscono la mia passione per Ayrton.

Di Senna credevo di sapere tutto, o quasi. Poi ho letto “Senna. In viaggio con Ayrton.” e ho capito che mi mancava un coccio importante, un frammento fondamentale a cui non avevo dato importanza. Non ho mai creduto al lato cinico e alla spietatezza che i suoi acerrimi nemici gli attribuivano, ero certa che fosse solo invidia per un talento immenso, per una personalità sconfinata, difficilmente intellegibile, quasi divina.
Io, che nel divino non credo, ho sempre visto in Ayrton qualcosa di molto vicino all’ultraterreno. Continua a leggere

Nico_the end

the-end

Seimila chilometri in giro per il mondo.
Una stagione anonima, after all.

Il Re è Nico, come è giusto che sia, nel nome di Keke
che lo ha cresciuto a pane e motori fin da quando era in fasce.

Mi viene da pensare ai rimpianti, alle speranze deluse,
al 22 di Jenson che non ci sarà più. Alla nostalgia.

L’amarezza c’è, come ogni volta che si gira una pagina storta,
come quando si chiude un capitolo.

See you in Melboune, march 2017.

Interlagos_20

interlagos

Full wet.
Pioggia pesante nella nebbia densa di un fosco cielo brasiliano.

A rimetterci è Kimi, prima di tutti.
A guadagnarci è Lewis che, da mago della pioggia, riesce a rinviare la sentenza.

Verstappen è pura follia.

A Felipe un saluto commosso, come la scritta sul suo alettone: OBRIGADO.

Interlagos_20_la fine è dall’altra parte del mondo.

 

 

 

Suzuka_17

suzuka

A Suzuka si vede il coraggio.
Suzuka è velocità.
Emerge il pilota, a Suzuka.

Il risultato oggi non conta, quel che importa è la dinamica, i sorpassi continui, la competitività ritrovata. Le strategie, gli undercut, la scelta dei pneumatici oggi non fanno differenza. La differenza la fa questo circuito spettacolare che ci fa vivere, finalmente, una gara vera. Continua a leggere