Birdem&Eray

Birdem&Eray

Seduta su una panchina di marmo, Birdem osserva la Fontana del Moro, l’acqua che zampilla dalle bocche dei tritoni, le monetine opache che paiono ondeggiare fra le increspature limpide. Birdem è giovane e ancora non sa che Piazza Navona è un luogo speciale, uno di quegli scenari perfetti per incorniciare i momenti decisivi della vita.
Lo sa bene Eray, che le siede accanto.

E’ quasi sera, la bandiera dell’ambasciata brasiliana sventola alta alle loro spalle, una musica ritmata li raggiunge dall’altro lato della piazza, dalla parte della Fontana del Nettuno.

Cerco un posto per sedermi, Birdem ed Eray, abbracciati, mi invitano ad accomodarmi al loro fianco. La lingua che ci unisce è un inglese cadenzato che fa da ponte fra il mio italiano del nord ed il loro turco di Istanbul. Arrivano dal Bosforo e sono carichi di una spontaneità che i ragazzi di oggi raramente mostrano, di una naturalezza piena di garbo che diffonde nell’aria un’armonia palpabile.

Lo sguardo di Birdem, bellissima nella sua semplicità, è quello tipico delle donne che abitano le terre di confine: sulle spalle eredità di intere generazioni, negli occhi la luce di chi ha fiducia nel domani.
Lo sguardo di Eray, profondo quanto il Mar Nero, è quello di chi crede che la felicità risieda nella responsabilità di un legame duraturo.

E’ lui che, impaziente ed emozionato, mi chiede di scattare alcune fotografie. Mentre Birdem si avvicina alla fontana per mettersi in posa, Eray mi mostra cosa nasconde fra le mani: una piccola scatola scura che racchiude il loro futuro.
Sono io che, attraverso una sequenza infinita di scatti, immortalo il momento in cui Eray si inginocchia, porge a Birdem l’anello di fidanzamento e le sorride, offrendole un mondo nuovo.

E’ la loro sera, io ne sono complice in piccolissima parte, grazie alla sorte che mi ha portata fin qui.
E’ la sera in cui Birdem ed Eray riempiono Piazza Navona con la magia di cui solo l’amore è capace.
E’ la sera che rimarrà nelle loro vite per sempre, che consolida il passato e che delinea nitidamente un orizzonte.

E’ la notte, meravigliosa, che ancora non avevano avuto e che ora hanno.
La notte senza tempo che terrà loro compagnia, per sempre.

16 pensieri su “Birdem&Eray

Scrivi un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...