Follia maggiore

Follia maggiore è il quinto.
Con Monterossi, Falcone, Ghezzi e Carella.
Alleggerisce e riconcilia dopo improvvide letture.
Reinventa e non delude nel rimpianto che dilaga.
Pergolesi e Rossini son spartiti fra le righe.
E le risate tornano sguaiate.

Questi i miei appunti a bordo pagina, con una chiusa finale che dice il vero:

Di follie possibili ce n’è una sola: non avere i romanzi di Robecchi nella propria libreria.

C’era dentro qualcosa, c’era dentro un senso di morte, di lutto, di sconfitta che però non sembrava solo una preghiera. Sembrava…un arrendersi, ecco un arrendersi irriducibile e infinito che diceva: questa è la resa, questa è la fine, qui è dove tutto si ferma, dove tutto tace.
E comunque: senti che bello.”

Scrivi un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...