Le figlie del capitano

Ogni tanto un libro così ci vuole. Un romanzone di quelli che si scrivevano una volta, un’epopea famigliare in cui ogni cosa -trama, personaggi, ambientazioni- scorre qualche centimetro al di sopra della superficie.

Ne “Le figlie del capitano” tutto l’immaginabile è già immaginato e tutto il prevedibile è già accaduto. I colpi di scena sono anticipati in tanti già visto, le caratterizzazioni rimangono intatte dall’inizio alla fine, i dialoghi risultano sempre rassicuranti nella loro standardizzazione di massima. Si gira pagina senza interrogativi su quel che sarà, il pensiero non si arrovella.
Ci si concede una pausa, insomma, tirando fiato da letture più impegnative e stimolanti che scavano ben al di sotto di ciò che affiora.
È una penna facile quella della Dueñas.

Che sia il tempo di far visita a quel che rimane di Haruki?

“A volte nella vita, i disastri non sono provocati dalle cause più immediate o apparenti, ma dalle frustrazioni che portiamo sepolte nell’anima.”

2 pensieri su “Le figlie del capitano

Scrivi un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...