Chiamami col tuo nome

Devo scrivere che mi è piaciuto?
Faticherei parecchio.
Devo spiegare perché?
Non credo di saperlo fino in fondo.
Le sensazioni, quasi intangibili, che son scorse lente in sottofondo alla lettura:
Noia per una storia ripetitiva in cui i pensieri si duplicano
e gli schemi si ripercorrono, simili in ogni capitolo.

Fastidio per lo sfoggio continuo e compiaciuto
di una cultura classica che non ha bisogno di essere esibita.

Sorpresa per il successo planetario che ha avuto.
Eppure l’ho letto d’un fiato come si leggono le storie che poi rimangono.
Quindi mi chiedo: è sempre necessario capire se un libro ci è piaciuto o no?

Ma tornare indietro è falso. Andare avanti è falso. Fare finta di niente è falso. Cercare di rimediare a tutte queste falsità è a sua volta falso.”

Annunci

10 pensieri su “Chiamami col tuo nome

  1. Anche a me è capitato diverse volte di non capire se un libro mi è piaciuto oppure no. E me lo chiedevo mentre lo legggevo e dovevo arrivarci in fondo per poter dare un giudizio, ma poi rimanevo così, come te con Aciman.

Scrivi un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...