Nel come girano le cose*


Tutto sta nel come girano le cose. Se un giorno sembrano negative è solo perché il sole è sorto male, ha dato una spintone alla luna e tutte le costellazioni si sono scardinate. Mica è colpa tua, Gian, se il cielo oggi ruota al contrario.”
Tu sei fuori di testa, Rebi. È la terra che gira, non il cielo.”
Appunto! Ribalta gli schemi!”
Ok, sei fuori di testa all’ennesima potenza.”
No, guarda che è vero, se pensi che le cose vadano male per colpa tua non ne vieni più fuori. Sposta il pensiero su una banda collaterale, attribuisci un significato diverso alle cose fai, incardina ogni pezzo di giornata in uno schema speculare al tuo solito modo di ragionare. Non è così difficile, fidati di me.”
Parli come uno di quei libri che ti insegnano a meditare, a ritrovare te stesso nel silenzio, ad estraniarti dalla quotidianità. Che è, sei diventata una guru?”
Chi, io? Ma figurati! Ho solo imparato a farmi scivolare sopra le negatività, ho trovato un modo tutto mio di fare auto-terapia. Funziona, sai?”
Rebecca, non so se mi spaventi o se potrei anche crederti.”
Credimi, Gianluca, io sono la prova vivente che è possibile non demolirsi da soli. E visto che è ciò che stai facendo, perché è da amica che ti guardo e in te vedo tutti i sintomi dell’autodistruzione, ti consiglio vivamente di provarci. Che ti costa?”
Non mi costa, in effetti, ma mica l’ho capito io il tuo metodo.”
Te lo spiego così: domattina svegliati nei panni di uno che è capace di guardare oltre, ragiona come un altro, sii un altro. Devi solo convincerti che tutto ciò che ti pesa è distante da te e che a qualcosa di buono approderai, prima o poi. Se pensi al tuo passato ti renderai conto che ogni situazione che non avevi voglia di affrontare, di vivere, di vedere, in fondo è passata, no? Allora perché tormentarti continuamente con tutto il buio che ti ammorba? Datti una spinta che trasformi l’oscurità in luce, esci da te stesso e sii docile.”
Dici cose assurde.”
Guardami negli occhi, Gian.”
Che c’è?”
Tutto sta nel come giri tu le cose.”
No, Rebi, tutto sta nel come giro io e io non so girarmi, lo sai.”

Rebi e Gian, capitolo 1

10 pensieri su “Nel come girano le cose*

  1. Non è un cattivo metodo quello di Rebecca solo che implica la rinuncia ad alcune dolcissime cose che le nostre sconfitte portano con sé. È un metodo ” totale”, se decidi di usarlo diventi un altro e può darsi che tu non ti riconosca più. Quanti sono disposti a rischiare?

Scrivi un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...