Il più e il meno nel mestiere dello scrittore

 

 

 

 

 

 

 

In comune hanno niente.
Antipodi di scrittura, umanità distanti, cervello e ventre.
Uno rigoroso nel descrivere l’impossibile, l’altro viscerale nel raccontare la realtà.

Il mestiere dello scrittore è così simile a L’arte di correre che fa quasi innervosire: i cassetti mentali da cui attingere ricordi, l’esercizio costante senza cui il talento è destinato a svanire, il prendersi cura del corpo per avere la mente libera e pronta per raccontare, il disinteresse per i premi letterari, tema specioso, in verità.

Il più e il meno è una miscellanea di spezzoni già echeggiati, di evidenze già vissute, di temi che ritornano senza invecchiare, di introspezioni gelide che hanno dentro il fuoco.

Mai avrei detto di definire Murakami e De Luca vagamente didascalici, eppure è così che li sento, in queste loro pagine.
Comunque mica li allontano, anzi, li tengo qui, i miei cari Erri e Haruki, fra i piccoli gerani nel  giardino, che come sia possibile vederli ancora fioriti in questi giorni cupi, proprio non si sa.

E l’unico raggio di luce, l’ho catturato.

Mentre picchio sui tasti del computer, cerco sempre il ritmo giusto, il suono e il colore adatti. È un elemento essenziale della mia scrittura, irrinunciabile.”

Scoprivo in letteratura l’infallibile precisione delle esperienze. Mi stupivo della potenza definitiva di un frase. Leggere mi allargava il campo dei sensi, insegnandomi a salvare dal macero i dettagli.”

Annunci

8 pensieri su “Il più e il meno nel mestiere dello scrittore

    • Grazie a te Moon, sei la benvenuta fra le mie righe.
      De Luca ha un modo di scrivere unico, capace di meraviglie.
      Io ho iniziato con “Il contrario di uno”, che ho amato, come gli altri.
      Erri lo leggo lentamente e distanziato nel tempo perché va preso a piccole dosi, denso com’è.

  1. intanto mi affascina l’esattezza della tua distinzione tra i due:Uno rigoroso nel descrivere l’impossibile, l’altro viscerale nel raccontare la realtà. Non potrei essere più d’accordo.
    e poi mi piace che tu li abbia presentati assieme, dato che uno, Murakami, me lo hai fatto riscoprire tu, dopo un’esperienza negativa, e l’altro, Erri, ti ho invogliato io a leggerlo 🙂
    ml

Scrivi un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...