Fai quel che devi, fai quel che puoi


Rosa ha aperto la porta nonostante l’ora tarda.
Antonio le si è buttato fra le braccia, sconvolto, incapace di parlare.
Non lo vede da quasi un anno, ha il viso trasfigurato da una disperazione irrimediabile, l’animo appesantito da una colpa che non è sua.
Lo accoglie fra le proprie braccia, senza chiedere. Vuole lasciargli il tempo che gli serve, offrirgli il rifugio di cui ha disperatamente bisogno.
Antonio trascorre la notte accanto a lei, confuso, tremante, perso.
Si dondola nel pianto, nei rantoli da animale ferito, nella ferocia del dolore.
Non insiste Rosa a voler sapere.
Si prende cura di lui, lo nutre, lo protegge, lo cura.
Per una settimana, per un mese, fin che serve.
Piangi Antonio, di qualunque cosa si tratti, lasciala fluire,
buttala fuori, allontanala da te e poi vai.
Fai quel che devi, fai quel che puoi.

4 pensieri su “Fai quel che devi, fai quel che puoi

Scrivi un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...