Dolore

La coincidenza di rincontrare Zeruya Shalev poco dopo aver letto Safran Foer, con la memoria fresca di tutto ciò che non mi è piaciuto in Eccomi e che in Dolore ho trovato perfetto. Sì, perché Dolore, scritto e pubblicato un anno prima di Eccomi, ha una trama molto simile, un’ambientazione emotiva identica, uno sfondo religioso analogo in un’Israele vissuta e non solo agognata.

Una coppia in profonda crisi, un uomo tentennante ed eternamente in bilico, una donna forte e consapevolmente volitiva, due figli problematici. E le tentazioni che diventano reali nello sforzo di conciliare la moralità con la vita vera.

Nella sorprendente specularità della trama c’è una divergenza lampante: Safran Foer scrive per se stesso, Zeruya Shalev scrive per il lettore. Con un terzo delle pagine di Eccomi, Dolore è un romanzo vero, non una sceneggiatura, non una sequela interminabile di citazioni auto contemplative.

Di Zeruya ho letto quasi tutto, negli anni.

Dolore l’ho letto a Koufonissi, dove il mare ha il colore del cielo.

Abbiamo tradito le parole, il che è forse persino più grave del tradirci l’un l’altra, abbiamo tradito le parole e loro ci accusano.

https://righeorizzontali.wordpress.com/2017/04/09/eccomi/

Annunci

7 thoughts on “Dolore

Scrivi un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...