A caso (*)

a-caso-2

Ascoltare lentamente, come se il picchiettare sui vetri non dovesse finire e luci non accendersi più.

Provare anche a capire, non d’impulso, ma con pigrizia, nell’assurda persuasione che il vuoto sia immaginazione e non spazio tangibile, e non lucida realtà.

Non cedere allo sconforto, quello che ti tira per le braccia e ti impone di seguirlo, quello che ti afferra le gambe e ti conduce dove vuole.

Precipitare in un pozzo e rimanerci, con la stanchezza dei giorni intollerabili a farti compagnia.

Allora anche richiamare, chi ha provato a rimanere ma non ce l’ha fatta, chi ha disegnato un percorso indicandoti il cammino.

Mescolare tutto, farne un pezzo di vita e accettare che non c’è ritorno per chi non vuol voltarsi indietro.

Oggi è così, domani anche.

Annunci

13 thoughts on “A caso (*)

  1. il rimando all’identico del dicembre 2015 è sconfortante perchè significa che è un periodaccio di lunga data.
    però il fatto che ti ripeti la stessa volontà di non farti risucchiare dal pozzo nero è di buon auspicio.
    un abbraccio,
    ml

Scrivi un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...