Hockenheim so sad

Undici curve a destra e sei a sinistra in un parallelepipedo di circuito che sa di teutonica razionalità.

Vedo Kimi, compresso e sfilato come in un autoscontro da luna park, finire doppiato.
Vedo Fernando spremere al meglio la sua rossa, per poi arrendersi al fuel control.
Vedo scintille e fuoco.
Vedo sorpassi e duelli, cappottamenti e incendi.

Un gran premio appassionante, dicono i commentatori, dinamico e divertente.
Un divertimento triste, aggiungo io.

Ma forse è solo mia, tutta questa tristezza.

Hockenheim

Pubblicità

9 pensieri su “Hockenheim so sad

  1. per una volta ho visto il GP su sky, anche se in francese, quindi nelle migliori condizioni per apprezzare la vivacità della gara. Eppure la sensazione è stata quella di una lontananza dello spettacolo, qualcosa di artificioso e di sfuggente (le regole assurde sui consumi, l’immodificabilità dei motori che chi li ha azzeccati a inizio stagione, è a posto per tre anni, lo strapotere delle gomme) che toglie potere alla capacità dei piloti (e un kimi irriconoscibile lo dimostra) e piacere allo spettatore.
    ciao,
    ml

Scrivi un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...